Carbognano - Posizione e Storia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail


Carbognano, pur essendo situato ad un’ altezza piuttosto modesta (380 m. sul livalle del mare), presenta il tipico aspetto dei paesi di montagna e le alture su cui sorge, versante orientale del massiccio dei Cimini, sono ombreggiate da folti boschi di querce e castagni.
Il toponimo ha origini incerte ma, tra le ipotesi avanzate, quelle che risultano più accreditate sono due: la prima sostiene che deriverebbe dal nome della Villa Caribilia che un antico patrizio romano di nome Carbilio, attratto dalla bellezza del luogo, vi costruì, storicamente documentata, per trascorrervi il proprio tempo libero (Villa Caribilia - Carbiliano –Carbognano); la seconda che nel territorio, un tempo, c’era una villa della famiglia Romana “Carbones”, ricordata anche da Tacito, da cui Carbognano.
Il toponimo compare per la prima volta in un documento del Regesto farfense (817) dove è menzionato un fundum Carbonianum di proprietà dell’Abbazia di Farfa.


STORIA

Le origini di Carbognano sono molto antiche e sembrano risalire ad epoca Etrusca e Romana, reperti archeologici di epoce romana sono stati ritrovati in località Galli e nei pressi di S.Eutizio e S. Donato. La sua posizione a ridosso dei monti Cimini, nella parte meridionale dell'Etruria, lascia immaginare che il territorio sia stato considerato fin dal IV secolo a.C., un presidio strategico.
Il primo insediamento sorse in località Arignano intorno al X-XI quando il feudo risulta iscritto tra i possedimenti dell'Abbazia di Farfa.
Nel secolo XIV appartenne alla potente famiglia dei Prefetti di Vico poi passò agli Anguillara e successivamente passò tra i possedimenti della Camera Apostolica.
Nel 1494 Papa Alessandro VI Borgia decise di concedere Carbognano ad Orsino Orsini, signore di Bassanello e a sua moglie Giulia Farnese che vi soggiornò fino al 1522.
Nel 1630, Papa Urbano VIII Barberini elevò Carbognano a Principato e, dopo una serie di unioni matrimoniali, esso finì tra i possedimenti della famiglia Colonna di Sciarra, a cui rimase fino al 1870.