Ronciglione - Posizione e Storia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa


Panorama di RonciglionePosizionata a nord di Roma, tra la via Cassia e la via Flaminia, sul percorso della via Cassia cimina, la parte medioevale di Ronciglione sorge su un grosso ciglione tufaceo,
il termine infatti secondo le più diffuse ipotesi deriverebbe proprio dalla conformazione del suddetto massiccio su cui erano costituiti i primitivi insediamenti ( Rondus Cilio)
La favorevole posizione alla confluenza di due corsi d’acqua, il Rio Vicano, emissario del Lago di Vico, e il Fosso Chianello che dopo le colmate farnesiane del XVI secolo, scorre sotterraneo hanno permesso la sviluppo rinascimentale e moderno della cittadina su un secondo sperone tufaceo.

 

STORIA

Le origini di Ronciglione si fanno risalire agli insediamenti abitativi di epoca etruca, di cui restano modeste necropoli nelle valli tufacee (Colombari).
Durante l’epoca romana era un castrum, posto tra la via Cassia Cimini e la via Clodia, ne sono testimoni resti di ville romane, dell’acquedotto e di reperti funerari.
Fondata dai Prefetti Di Vico nell’anno Mille, è inclusa nel Ducato Romano della Curia Pontificia e di questa epoca sono i borghi medievali che si articolano intorno al Castello dei Di Vico e alla chiesa della Provvidenza. Il periodo di massima attività urbanistica produttiva risale al 1537, quando entra nel Ducato di Castro. Sorgono la Chiesa Santa maria della Pace, il Palazzo Comunale e numerosi opifici lungo la Valle del Rio Vicano.
Papa Umberto VIII nel 1649 decise di togliere ai Farnese il Ducato di Castro e Ronciglione passò di nuovo sotto il diretto dominio dei Papi.